È stato il presidente e ad di Atac Paolo Simioni a comunicare sei mesi fa alla Motorizzazione civile che Atac – avendo chiesto il concordato preventivo in continuità a causa del debito monstre da 1,3 miliardi di euro – non possedeva più uno dei requisiti indispensabili per svolgere il servizio del trasporto …

Powered by WPeMatico