In effetti, i lavori per costruire un secondo nuovo capolinea sono già iniziati, anche se ora interrotti, a causa del dissesto finanziario di ATAC. Il secondo intervento è usare treni diversi sulle due tratte, lasciando i convogli pesanti sulla linea urbana, e le più snelle ‘automotrici’ sulla tratta extraurbana.

Powered by WPeMatico